Il viaggiatore è cambiato, una nuova generazione di traveller si affaccia sulla scena del turismo internazionale. Grazie ai cambiamenti che la rete ha apportato nel modo di pensare degli utenti e di conseguenza nel modo di prendere decisioni, il comportamento del futuro vancaziero si basa su 4 semplici step:

DREAM

Il nuovo viaggiatore sogna, viene motivato e stimolato attraverso immagini, video e animazioni suggestive che lo portano a voler approfondire la ricerca della meta ideale in cui trascorrere le proprie vacanze.

PLAN

Il visitatore, dopo essere stato attratto dal portale turistico, inizia ad approfondire la propria navigazione sui vari portali alla ricerca di informazioni specifiche: la città, dove soggiornare, i ristoranti in zona, gli eventi in programma, i trasporti disponibili, le offerte dei partner e le attrazioni della destinazione.

GO

Il visitatore dopo aver ricercato più informazioni possibili all’interno della rete può costruire la propria vacanza prenotando. Ma come prenotano i viaggiatori 3.0? Con il 32,7% sono influenzati principalmente dai familiari. Al secondo posto troviamo le OTA con il 27,9% e poco distante TripAdvisor con il 23%. Tra gli acquisti online troviamo non solo le prenotazioni alberghiere ma ove è possibile, singole componenti del viaggio (hotel, trasporti, biglietti per eventi o attrazioni) e pacchetti con offerte speciali. Emerge un utilizzo del web in chiave anche di info-commerce, soprattutto fra chi non acquista online, una decisa propensione alla multicanalità ed una tendenza a destagionalizzare le vacanze. Questo per dirvi che l’utente è diventato l’agente di viaggio di se stesso. Chi acquista online, non cerca solo il risparmio ma organizza il viaggio in tutte le sue parti, prenotando escursioni, ristoranti ed ingressi nei musei. Purtroppo molte destinazioni turistiche non sono ancora all’avanguardia nell’offrire questo servizio perdendo utili occasioni nell’offrire stimoli al turista il quale preferisce destinazioni concorrenti.

EDIT

Al termine del viaggio il turista conserva il ricordo dei momenti vissuti e continua ad alimentarli attraverso scambi ed opinioni nella sua rete sociale.

5) I VIAGGIATORI SONO SEMPRE CONNESSI


La strategia è fare in modo che i clienti interagiscano il più possibile con voi utilizzando i social media. In questo modo influenzeranno positivamente i futuri clienti.

 

Per farvi capire meglio vi posto alcuni dati rilevanti:

Turisti in Italia e il loro rapporto con i dispositivi mobile

  • 46% navigano sul web utilizzando dispositivi mobile
  • 35% caricano foto sui social network
  • 27% postano aggiornamenti sui social network
  • 37 % trovano attività in loco utilizzando dispositivi mobili

Con questa premessa vi elenco alcuni consigli per aumentare la visibilità del vostro Hotel:

1)       Rendi forte il brand name dell’hotel

Il sito dell’hotel deve essere ottimizzato al meglio, fondamentale comparire tra i primi risultati dei motori di ricerca. Deve contenere testi “persuasivi” e coinvolgenti, per poter essere ben posizionato e soprattutto coinvolgere l’utente affinchè viva una vera esperienza di viaggio. Il sito infatti non deve raccontare solo dell’hotel e dei suoi servizi ma parlare di una destinazione, di eventi, attrazioni e attività.

L’utente prima di scegliere voi deve scegliere la vostra località!

 

2)       Il vostro sito deve essere responsive

Presentate il vostro sito in modo semplice e chiaro, secondo i migliori criteri di “usabilità”. Progettate un sito responsive! Perché? Secondo alcuni dati Nielsen “in Italia, come nei principali Paesi del mondo, si rileva un trend in flessione dell’audience online da PC, a fronte di un’audience mobile di 9,9 milioni di utenti online da smarthphone e 4,2 milioni da tablet stimata nel mese di settembre. Il mobile conquista il 46% della total digital audience (accessi da PC e da device mobili) e le fasce più giovani della popolazione che trascorrono più tempo online da questi device (il 54% del tempo online da mobile è dei 18-34enni), contribuendo allo svecchiamento dell’audience.”

 

3)       Il vostro sito deve essere graficamente strutturato

Investite qualche risorsa per rendere il vostro sito graficamente piacevole, perché una grafica coordinata e belle immagini riescono a trasmettere emozioni e a volte questo vale più di mille parole.

Ricordatevi che il vostro obiettivo è quello di catturare l’attenzione dell’utente che ancora non vi conosce.

 

4)        Investite nel vostro sito ufficiale

Il punto di partenza delle prenotazioni è cambiato negli ultimi anni: se prima la ricerca avveniva nei motori di ricerca classico ( Google, Yahoo ecc) adesso avviene nei motori di ricerca verticali come booking.com e Tripadvisor. Sono portali già segmentati dove gli Hotel possono essere ordinati e filtrati, sia per prezzo sia per recensioni.

Nel tempo è avvenuto un ulteriore passo avanti: la disintermediazione dalle OTA, dovuto principalmente ai grandi costi delle commissioni. Inoltre, fino a qualche tempo fa sembrava quasi impensabile poter vendere e pubblicizzare direttamente la propria struttura. Il mio consiglio è quello di predisporre direttamente sul vostro sito la possibilità di effettuare una prenotazione. Tranquilli, su questo argomento ci ritorneremo inseguito in modo più approfondito.

5)       Pianificata una campagna sui social media

E’ il momento migliore per aumentare il traffico web attraverso un pianificato utilizzo dei social media. I motori di ricerca stanno favorendo il posizionamento nei risultati di ricerca dei siti collegati ai social media, da Instangram fino a Google+

Dal 2014 la gestione di Google+ è stata integrata con Google My business. Questo vi permette di :

–          aumentare il vostro traffico sul vostro sito internet

–          fornire le informazioni giuste

–          dialogare con gli utenti ( non esiste solo Tripadvisor)

 

Ultimo consiglio:

pianificate con calma la vostra strategia e il vostro piano editoriale… abbiate pazienza e soprattutto monitorate i risultati. Se questi non arrivano allora cambiate strategia e non mollate!

 

 

 

Commenti